Relazioni tecniche e Perizie asseverate per Industria 4.0

Gli incentivi previsti dal Piano nazionale Industria 4.0 (Impresa 4.0 – Transizione 4.0) rappresentano un’interessante occasione per tutte le aziende che vogliono cogliere le opportunità legate alla quarta rivoluzione industriale. Tra le principali azioni previste dal Piano, l’Iperammortamento e Superammortamento sono quelle cha hanno avuto un maggiore appeal nei confronti delle imprese. Entrambi però con la Legge di bilancio 2020 sono stati sostituiti da un Credito d’imposta (confermato anche nella nuova Legge di Bilancio 2021).

Tuttavia, se hai acquistato una o più macchine (o se ne stai progettando l’acquisto), probabilmente saprai già che non tutti i beni tecnologici sono agevolabili.

Novità Legge di Bilancio 2021: il nuovo Credito d’Imposta è previsto per 2 anni (bienno 2021-2022).

Il Credito d’Imposta, riconosciuto nella misura del 50% per gli investimenti fino a 2,5 milioni di euro per l’anno 2021 (passa al 40% nel 2022), del 30% per gli investimenti compresi tra 2,5 milioni di euro e 10 milioni di euro per il 2021 (passa al 20% nel 2022) e del 10% per gli investimenti compresi tra 10 milioni di euro e 20 milioni di euro (aliquota confermata per il 2021 e 2022), si applica solamente a certe categorie di beni, che devono avere un certo numero di caratteristiche tecniche obbligatorie.

Assicurarsi che una macchina possa godere dei benefici fiscali non è semplice e richiede competenze specifiche.

In molti casi l’agevolazione fiscale può rappresentare una spinta all’acquisto del bene prima di attestarne l’effettiva rispondenza ai requisiti previsti dalla normativa. D’altra parte l’acquisto del singolo bene è un caso semplice, ben più complessi sono i casi di revamping, i casi di acquisto di cluster formati da beni nuovi ed altri usati e l’acquisto di linee di produzione composte da macchine fornite da diversi fornitori.

Le conseguenze di un errore nelle dichiarazioni attestanti l’accesso ai benefici fiscali può costare molto caro. In tal caso infatti per l’acquirente può configurarsi un reato fiscale e dichiarazione mendace.

A seguito di verifiche, l’Agenzia delle Entrate potrebbe accertare un’indebita deduzione dall’imponibile e quindi un maggior reddito, con l’applicazione di una sanzione amministrativa dal 90% al 180% della maggior imposta dovuta.

In alcuni casi potrebbe anche configurarsi una responsabilità penale dell’imprenditore

Questo perché potrebbero esistere i presupposti oggettivi per la configurazione di un reato fiscale.

 

 

Benefici

Accesso automatico

Non è necessario partecipare a bandi o presentare alcuna istanza per ricevere il beneficio dovuto dal credito d’imposta. In pratica i soldi non vanno richiesti. Al beneficio si accede in automatico in fase di redazione di bilancio tramite dichiarazione sostitutiva del legale rappresentante o perizia asseverata. In pratica l’impresa verserà meno tasse.

Cumulabilità

I benefici fiscali del nuovo credito d’imposta sono cumulabili con:

  • Sabatini
  • Credito d’imposta per ricerca & sviluppo, innovazione, design e green
  • Patent box
  • ACE
  • Incentivi per start up e PMI innovative
  • Fondo centrale di garanzia

Beni usati e revamping

Il decreto milleproroghe 2017 ha chiarito che anche l’ammodernamento o revamping di sistemi di produzione esistenti è funzionale alla trasformazione tecnologica e/o digitale delle imprese in chiave industria 4.0.

Per approfondimenti si faccia riferimento alla Circolare 4E del 30-3-2017.

 

Sicurezza

Con una relazione tecnica o perizia asseverata redatta da un professionista abilitato e con la giusta esperienza, si ha la certezza di compiere tutti i passi necessari per accedere al beneficio fiscale senza rischiare di incorrere in sanzioni.

Per saperne di più sul tema del Credito d’imposta per beni 4.0 e altri benefici previsti dal Piano Nazionale Impresa 4.0 (ora Transizione 4.0) visita il nostro magazine Focus Industria 4.0

Cosa possiamo fare per te

Possiamo mettere a tua disposizione il nostro gruppo di ingegneri con pluriennale esperienza maturata su progetti di automazione industriale.

Nello specifico possiamo:

E
assisterti nella fase di selezione del bene verificando ex-ante il rispetto dei requisiti di accesso al beneficio fiscale
E
se già presente in azienda, analizzare il bene per verificare la rispondenza ai requisiti previsti dalla normativa
E
redigere la relazione tecnica e/o la perizia asseverata
E
se necessario, sviluppare il software per connettere le macchine al sistema informativo aziendale

L’attività peritale è coperta da assicurazione.

perizia industria 4.0

Chi siamo noi per parlarti di Industria 4.0

BE Innovazione S.r.l. è una start-up innovativa che nasce con l’obiettivo di supportare le aziende clienti nella gestione di progetti di innovazione in ottica industria 4.0.

Progettiamo, sviluppiamo ed integriamo soluzioni innovative con l’obiettivo di migliorare le prestazioni aziendali, abbassare i costi di produzione, velocizzare e facilitare i processi, aumentare le vendite.

Il nostro gruppo è costituito da analisti, ingegneri e manager che hanno maturato esperienze pluriennali su progetti di innovazione tecnologica e automazione industriale sia in Italia che all’estero.

Molti dei nostri collaboratori sono in possesso di prestigiose certificazioni internazionali nell’ambito dell’information technology e del project management (ITIL, PMP, Prince2, ISO 27001).

Condividiamo le nostre esperienze e facciamo informazione sul mondo dell’industria 4.0 con il nostro magazine online focusindustria40.com.

Perizia Industria 4.0

 

CONTATTI

Contattaci per scoprire come possiamo supportarti al meglio per accedere in modo sicuro al beneficio fiscale.

Inviaci un messaggio, un nostro ingegnere ti risponderà entro 24 ore dalla richiesta.